Flash Feed Scroll Reader
By 3 gennaio 2011 0 Comments

lo sporco degli altri…

Non è la prima volta che mi capita di leggere qualcosa sulle pulizie, che siano esse professionali di casa o scritte in chiave comica, ma raramente mi sono divertito tanto!, Così, preso dall’entusiasmo, ho deciso di scrivere qualcosa in merito a quest’ultimo e di farne addirittura una categoria apposita per il mio blog.

Lo sporco degli altri. Avventure di una donna delle pulizie da New York a Kyoto

Di Louise Rafkin

Certo non è un libro che nasce per concorrere al premio bancarella, ma la sua scrittura semplice e lineare , rende la lettura piacevole e chiara , rendendosi quasi testimone di un nuovo modo di vedere le pulizie, quasi un monito per tutte quelle persone che pensano al mestiere delle pulizie come un mestiere poco dignitoso. La Rakfin non si è vergognata, per mantenersi, ad esercitare il  mestiere di donna delle pulizie e ciò non le ha impedito, poi, di affermarsi come scrittrice e giornalista. Anzi, nel tempo, la sua maggiore competenza e disinvoltura l’aiuteranno a vivere esperienze nuove e diverse che le verranno utili per il suo futuro



Sotto il profilo sociologico, il libro contiene un analisi attenta al mondo delle pulizie, un lavoro talvolta  duro e poco gratificante, ma ormai professionalizzato, meccanizzato, standardizzato con tanto di uniformi e ore dedicate alla formazione teorica,(come questo blog ad esempio :) ) Insomma, si scopre che la donna delle pulizie è una persona arrivata, felice del proprio mestiere , professionale tanto dallo spingere qualcuno ad aprirsi una ditta specializzata in lavori “pulizia dei delitti” (come in un noto film con Morgan Freeman). Si spiegano procedure; c’è anche un decalogo per i datori di lavoro, che vogliono trovare e tenersi una brava donna delle pulizie. La materialità del lavoro non è tutto; la donna delle pulizie può diventare confidente, confessore, psicologo, antropologo, detective. Louise Rafkin, termina nell’ultimo capitolo scrivendo .. ”Il piacere che provo nel pulire dipende dall’idea di lasciare un posto migliore di come l’ho trovato, ricco di opportunità, offrendo a chi ci abita un’occasione di ricominciare daccapo”.. insomma.. il lavoro delle pulizie ha anche una valenza simbolica, un aiuto a ricominciare , cancellare un passato sporco e disordinato, facendosi accompagnare dal nostro angelo delle pulizie , in un esperienza mistica come quella descritta nel suo ultimo capitolo.

Posted in: libri & Riviste, News

About the Author:

Post a Comment

*