Flash Feed Scroll Reader
By 27 luglio 2011 1 Comments

EM, i microrganismi effettivi nella pulizia industriale [parte 2^]

Continua dalla prima parte

Nella prima parte di quest’articolo abbiamo parlato di Microrganismi effettivi, cosa sono e in quali forme si presentano. In questa seconda parte cercheremo di capire come utilizzarli nel nostro campo d’azione, ossia, le pulizie.
Visto l’elenco dei principali prodotti interessati, andiamo ora a vedere la descrizione sintetica dei prodotti che interessano il nostro settore, e la loro preparazione, per arrivare meglio a capire come possono esserci utili:


EM-1: è una coltura mista di 80 ceppi selezionati eistenti, si presenta in forma liquida di colore marrone. i microrganismi si trovano in uno stato di riposo e si riattivano ricevendo nutrimento. TUTTI I PRODOTTI EM E L’USO DI ESSI SI RIFANNO A EM-1 (GLI EM-1 SONO PRIVI DI QUALSIASI MANIPOLAZIONE GENETICA)
E’ acquistabile su una miriade di siti specializzati, alla fine dell’articolo inserirò alcuni link utili.

EMA: è un prodotto che parte dall’ EM-1 e arricchito con melassa di zucchero di canna e acqua


PREPARAZIONE:
EMA=EM1 attivato e moltiplicato con melassa e acqua
RICETTA:

Per un litro di EMA

30 ml EM1

30 ml melassa

940 ml acqua

Per 5 litri di EMA

150 ml EM1

150 ml melassa

4.7 lt acqua

Per 10 litri di EMA

300 ml EM1

300 ml melassa

9.4 lt acqua

Sciogliere completamente la quantità di melassa di canna in acqua molto calda,(non oltre 60°), e riempire un contenitore di plastica con coperchio, come una comune bottiglia in PET, o un bidone nel caso ne vogliate produrre in quantità maggiori.
Riempire con il restante dell’acqua il contenitore ,facendo attenzione a non superare la temperature complessiva di 37/38° , e infine aggiungete il prodotto EM-1 (LA SOLUZIONE MADRE).
Seguirà una fase di fermentazione dove il contenitore resterà chiuso per circa 7/10 giorni a una temperatura più o meno costante che oscilli sempre tra i 36 i 38°, facendo attenzione ,di tanto in tanto, a far sfiatare il gas di fermentazione.
Una volta ottenuto il prodotto è bene ricordarsi di conservarlo in un luogo asciutto e fresco , come ad esempio una cantina, e che comunque la sua conservazione non deve andare oltre le 2 settimane. E’ bene tener presente, quindi, la quantità effettiva di cui abbiamo bisogno prima di produrlo.

EM-X CERAMICA: EMX CERAMICA è un prodotto d’argilla che a sua volta viene fermentato con EM e con aggiunta di EM-X e cotto avarie temperature.

  • Migliora e rivitalizza, energizza e armonizza l’acqua dimezzando i cluster (addensamenti nelle molecole d’acqua)
  • Effetto antiossidante
  • Appoggia le attività dei microrganismi degli altri prodotti EM nell’effetto costruttivo

La Ceramica è cotta a temperature di 1200/1300 °C, anche per quest’ovvio motivo è acquistabile direttamente e difficilmente riproducibile in proprio, ed esiste in polvere, in cilindri e anelli
Per rivitalizzarla è consigliabile esporla al sole di tanto in tanto.



APPLICAZIONI
Come anticipato all’inizio, tralasceremo le altre innumerevoli applicazioni per concentrarci sull’utilizzo nelle pulizie

adoperando GLI EM e gli EM-X CERAMICA si influisce positivamente nei seguenti ambiti:

  • Eliminazione facilitata della sporcizia
  • eliminazione di odori spiacevoli
  • Mutazione di rifiuti biologici in concime
  • Prevenzione muffa e putrefazione
  • Creazione di un clima piacevole
  • Pulizie generali

Inoltre Per la pulizie sono stati sviluppati prodotti speciali “eMC-Reiniger” che sono stati arricchiti con additivi. Vedi appunto prodotti menzionati in articoli precedenti, come il SOLZYM di REALCO E RCM o alcuni dei prodotti della nascente BACTEMIA e altri ancora.
Altri dettagli si trovano in un infinità di pagine web dedicate.


CONCLUSIONI:
Gli EM , sono un prodotto polivalente. E’ un miscuglio di microrganismi presenti in natura. Con essi diventa possibile rigenerare un ecosistema ammalato in modo semplice e possibile.
L’uso degli EM dà un grande contributo alla protezione dell’ambiente e alla rigenerazione del pianeta. Questo articolo ,e le fonti di cui mi sono avvalso, vogliono illustrare in modo semplice cosa sono i microrganismi e come si possono utilizzare.
non si possono indicare dei dosaggi generali, a seconda del sistema e dei bisogni, si deve adattare la quantità. Le dosi possono dipendere, inoltre, dal tempo meteorologico, dalla stagione e dalla durata dell’azione. Resta il piacere di scoprire da sè altri campi d’uso possibili e altri dosaggi.

Prima di lasciarvi a fondo pagina per un comodo prospetto da scaricare in formato pdf, lasciatemi aggiungere una conclusione personalissima a quanto detto finora; E’ ovvio che non possiamo definitivamente sostituire nel nostro lavoro, la molteplicità di prodotti esistenti per le diverse problematiche che tutti i giorni incontra l’operatore, ma possiamo altresì adoperarci affinchè la nostra preparazione e la nostra conoscenza non si fermi a quello che ci viene proposto sempre come unica soluzione di lavaggio. Cerchiamo sempre le alternative possibili e poniamoci sempre delle domande, poichè questo mestiere possa celare sempre sorprese e grosse soddisfazioni; ancora maggiori quando siamo coscienti dell’uso che facciamo dei detergenti e del loro impatto ambientale.

SCARICA QUI LA TABELLA DEI CAMPI D’IMPIEGO!

About the Author:

1 Comment on "EM, i microrganismi effettivi nella pulizia industriale [parte 2^]"

Trackback | Comments RSS Feed

Post a Comment

*